“9 giorni al Cairo”, a Londra il film sugli ultimi giorni di vita di Giulio Regeni

La proiezione il 14 giugno seguita da un dibattito sui diritti dei lavoratori con professori e giornalisti

“9 giorni al Cairo”, a Londra il film sugli ultimi giorni di vita di Giulio Regeni

 

Sarà proiettato a Londra il documentario sugli ultimi giorni di vita di Giulio Regeni, il giovane studente italiano ucciso al Cairo l’anno passato, in una situazione ancora tutta da chiarire.

9 giorni al Cairo è in programma il 14 giugno alle ore 19 presso il Dipartimento di Fisica dell’Imperial College, e alla giornata prenderanno parte i due autori Claudio Bonini e Giulio Foschini, giornalisti de La Repubblica, e molto probabilmente anche i genitori di Giulio.

Il 28enne si era laureato al Girton College di Cambridge,  e in Egitto stava conducendo una ricerca-indagine sulle organizzazioni sindacali indipendenti. Improvvisamente un giorno è stato catturato, torturato fino ad essere stato ucciso. Il motivo ufficiale ancora resta un mistero.

L’obiettivo del documentario è proprio quello di cercare di fare chiarezza attorno alla morte di Regeni, attraverso documenti e ricostruzione di fatti che vedono implicate forze di polizia egiziane, servizi segreti italiani e autorità dei due rispettivi paesi.

Dopo la diffusione in Italia, con una proiezione anche durante l’ultima edizione del Festival del Giornalismo di Perugia, 9 giorni al Cairo approda per la prima volta all’estero. La scelta del Regno Unito non è casuale perché, come anticipato, non solo Giulio aveva studiato qui, ma anche qui vivono ancora amici che ancora oggi attraverso i propri profili socials, chiedono verità.

Al termine della proiezione si terrà un dibattito sul tema dei diritti dei lavoratori, con particolare riferimento proprio a quelli degli egiziani nel pieno di una guerra politico-religiosa. Prenderanno parte Shane Enright di Amnesty International, Saeb Kasm ricercatore presso l’International State Crime Initiative della Queen Mary University, John Chalcraft professore di Politica e Storia presso la London School of Economics e Jack Shenker giornalista ed autore con numerosi premi all’attivo. Moderatore Enrico Franceschini, corrispondente de La Repubblica.

Qui il link dove prenotare il proprio ingresso gratuito alla proiezione.