1.564 vittime per Covid-19: record (in negativo) per il Regno Unito

In tutto il paese ad oggi hanno perso la vita oltre 100mila persone

1.564 vittime per Covid-19: record (in negativo) per il Regno Unito

 

Numeri impressionanti giungono dal quotidiano bollettivo emanato dal governo sulla situazione pandemica nel Regno Unito: 47.525 contagi e ben 1.564 vittime connesse al coronavirus.

Si tratta di una situazione che già da alcuni giorni ha messo in massima allerta l’interno paese, nonostante i grandi sforzi per somministrare a più persone possibili il vaccino. Ad oggi sono state quasi 2 milioni 700mila coloro che hanno ricevuto l’antitodo.

Ma il numero record di 1.564 vittime non può non far riflettere, soprattutto perché porta il totale di coloro che hanno perso la vita per patologie connesse al Covid-19 a più di 100mila da quando la pandemia è scoppiata in UK.

Molto probabilmente verranno prese misure ancora più restrittive per cercare di frenare l’impennata, come ha anche anticipato lo stesso primo ministro Boris Johnson in occasione del settimanale appuntamento del mercoledi a Westminster con il question time con i parlamentari.

Johnson ha spiegato che il sistema sanitario nazionale, l’NHS, sta entrando in sofferenza a causa della mancanza di disponibilità di letti di terapia intensiva. Uno scenario che il paese non si può permettere, perché il rischio sarebbe quello di non riuscire a frenare la crescita di contagiati e vittime. “Il lockdown inizia a mostrare qualche impatto  positivo – ha detto – ma ci sono rischi sostanziali di sovraffollamento degli ospedali, con un 70% di ricoveri più d’aprile“.

Proprio come è accaduto quando la nuova variante del Covid-19 è stata scoperta nell’area del Kent e nel giro di poche settimane si è diffusa in maniera rapidissima in tutto il sud est dell’Inghilterra fino a coprire tutte le aree del paese nel corso del mese di dicembre. Il paese non si è fatto trovare pronto, e ora ne sta pagando le conseguenze.

@AleAllocca


Emergenza Coronavirus, Brexit, attualità, cronaca, lavoro, eventi. Il meglio delle notizie di Londra Italia in una email settimanale da non perdere. Iscriviti ora, è gratis.