Fino a 10mila sterline di contributo per rendere le case inglesi più “green”

E' il nuovo progetto da 3 miliardi appena lanciato dal cancelliere Rishi Sunak. Ecco come fare a ottenere il sostegno economico

Fino a 10mila sterline di contributo per rendere le case inglesi più “green”

 

Tre miliardi di investimento per rendere il Paese più ecologico. All’interno del minibudget presentato oggi, mercoledì 8 luglio, dal cancelliere Rishi Sunak con l’obiettivo di rilanciare il Paese dopo l’emergenza per il Coronavirus, c’è un grande spazio per l’ambiente e la riduzione dell’inquinamento.

Il piano, che prevede anche di creare migliaia di posti di lavoro nel settore dell’industria, punta a ridurre la produzione di monossido, rendendo case, scuole, ospedali, prigioni e basi militari più green, in modo da poter davvero arrivare all’obiettivo delle emissioni ridotte a zero entro il 2050.

A livello pratico centinaia di migliaia di proprietari di casa potranno ricevere dei voucher fino a 5mila sterline per fare lavori che siano utili a contenere lo spreco di energia. Il governo pagherà i due terzi dell’intervento, ma nel caso delle persone meno abbienti potrò arrivare ad accollarsi l’intera spesa, con un tetto massimo di 10mila sterline.

Per questo intervento Sunak ha messo a disposizione in bilancio due miliardi di sterline, che consentiranno di procedere alla coibentazione di tetti e pareti, alla sostituzione dei boiler e delle finestre. L’intervento si chiamerà Green Homes Grant e permetterà ad esempio al proprietario di una casa semi- indipendente di adeguare muri e pavimenti con sistemi di isolamento per una spesa di 4mila sterline, con 1.320 a carico del proprietario e il resto pagato dal Governo.

Lo schema sarà operativo da settembre e si potrò accedervi on line, affidandosi a un elenco di operatori riconosciuti dal Ministero. Quando uno di questo operatori avrà definito un preventivo per l’intervento e il lavoro sarò stato approvato, la famiglia riceverà il voucher.

Oltre ad aumentare il valore della casa e a renderla più moderna, poi, per i proprietari ci sarà il vantaggio di spendere meno in bolletta, dal momento che secondo alcune ricerche un isolamento adeguato consente di risparmiare 600 sterline all’anno per il riscaldamento e di evitare il rilascio di inquinanti nell’aria.

Nel piano verde del Cancelliere un altro miliardo verrà invece investito per migliorare isolamento ed energia pulita negli edifici pubblici e per investire su sistemi di riscaldamento ecologici. Circa 50 milioni serviranno nello specifico per gli interventi sull’edilizia popolare, con progetti per l’isolamento di pareti, pavimenti e tetti, per la sostituzione dei vetri attuali con quelli doppi e per l’installazione di pompe di calore e boiler più efficienti.

In questo modo le persone che abitano in queste case potranno risparmiare fino a 200 sterline l’anno in bollette e soprattutto ci sarà una riduzione nelle emissioni. Un vantaggio non da poco, visto che le case britanniche sono tra le peggiori in Europa per emissioni, al punto che un quinto di quelle totali del Paese dipendono da edifici non adeguatamente coibentati.

L’annuncio è stato accolto positivamente dalle associazioni ambientaliste, anche se alcune di esse hanno fatto eco all’opposizione segnalando come non si tratti di un’iniziativa del tutto nuova. Nel programma elettorale, infatti, i Conservatori avevano già promesso investimenti significativi, pari a 9,2 miliardi di sterline, nel settore ambientale che non erano ancora stati effettivamente messi a disposizione.

Infine, Rosie Rogers, di Greenpeace UK, ha sottolineato come in altri Paesi siano stati messi sul piatto molti più fondi per l’ambiente, con la Germania che ha avviato piani per 36 miliardi e la Francia che propone iniziative per 13 miliardi e mezzo.


Articolo realizzato con il supporto di Green Network Energy – la prima azienda italiana di energia nel Regno Unito 


Emergenza Coronavirus, Brexit, attualità, cronaca, lavoro eventi.  Il meglio delle notizie di Londra Italia in una email settimanale da non perdere. Iscriviti ora, è gratis.