Mafia e criminalità organizzata, Londra ne parla con don Ciotti

Il fondatore di "Libera" sarà ospite dell'Istituto italiano di cultura insieme a Davide Palmisano, attivista e figlio di Marcello giornalista vittima della mafia

Mafia e criminalità organizzata, Londra ne parla con don Ciotti

 

Don Ciotti arriva a Londra per parlare di mafie e organizzazioni criminali. Il fondatore di “Libera” sarà ospite dell’Istituto italiano di cultura giovedì 27 giugno dalle ore 19 in conversazione con Davide Palmisano, attivista e volontario di Libera dal 2015.

Palmisano è anche il portavoce a Londra di “Chance – Civil Hub Against Criminal Organized in Europe” e figlio di Marcello, giornalista e vittima della mafia.

“Libera”, ricordiamo, è un’organizzazione che promuove l’uso di terreni e beni sequestrati dalla mafia per creare cooperative locali, progetti antidroga e centri comunitari, oltre a cercare di fornire lavoro a coloro che hanno scelto di uscire dal giro della criminalità organizzata.

“Libera” include associazioni, cooperative, organizzazioni sociali, scuole, sindacati e chiese nel tentativo di sfidare il potere della corruzione e della criminalità, promuovendo nel contempo la giustizia sociale, i diritti umani e l’uguaglianza costituzionale.

È presente sul territorio italiano attraverso 20 consigli regionali e 278 associazioni locali, mentre “Libera Internazionale” ha una rete di 80 associazioni in 35 paesi tra Europa, Africa e Sud America, e anche a Londra.

Insieme a Davide Palmisano, don Ciotti spiegherà la sua lotta che dura da 25 anni contro il crimine organizzato.

L’ingresso all’incontro è gratuito ma a posti limitati. La prenotazione può essere effettuata a questo indirizzo ufficiale.

(Foto @Flickr)


Brexit, attualità, cronaca, lavoro eventi.  Il meglio delle notizie di Londra Italia in una email settimanale da non perdere. Iscriviti ora, è gratis.