Il lockdown fa schizzare i consumi: in UK bolletta elettrica più cara di un terzo

Rimanere a casa ha significato utilizzare più energia per computer ed elettrodomestici. Il rincaro preoccupa chi è già in difficoltà economica

Il lockdown fa schizzare i consumi: in UK bolletta elettrica più cara di un terzo

 

Brutte notizie per i consumatori inglesi. Secondo alcuni sondaggi la bolletta per l’energia elettrica aumenterà di un terzo. Colpa del lockdown, che costringe tutti a rimanere in casa e produce un inevitabile surplus nel consumo di elettricità.

Basta pensare al numero di lavaggi aumentati con lavastoviglie e lavatrice, ma anche al consumo dovuto alla televisione, dei computer e della luce, che vengono utilizzati continuamente nelle abitazioni, dove prima durante il giorno magari non c’era nessuno.

Facendo una media, il sito comparethemarket.com, che ha realizzato il sondaggio, parla di circa 32 sterline in più per bolletta, che non sono certo un beneficio in un periodo in cui il lavoro si è ridotto e quindi spesso anche lo stipendio.

Secondo la ricerca, infatti, il 72 per cento del campione (sono duemila le persone contattate) ha confermato di utilizzare molta più energia del solito e almeno la metà di loro ha precisato che il numero delle persone che si trovano all’interno della casa è superiore al solito.

Si valuta che in media l’aumento sia del 37 per cento sulla bolletta elettrica, che equivale appunto a 32,31 sterline in più di media ogni mese, che diventerebbero 387 l’anno, qualora questo regime di confinamento continuasse a lungo. Nel peggiore degli scenari si ipotizza che l’aumento annuale di spese per la casa potrebbe arrivare a 1421 sterline contro le 1034 di media, perché ai costi per l’elettricità vanno aggiunti anche quelli per il gas.

Il rischio di un rincaro nelle bollette ovviamente preoccupa I consumatori. Il 44 per cento degli interpellati teme di non riuscire a pagare i conti e di subire quindi contestazioni o sanzioni. Certo per saldare i conti delle utenze si potrebbero usare i soldi risparmiati con il fatto che non si mangia fuori e si usano meno i mezzi pubblici, ma molte famiglie hanno già deviato questi fondi al capitolo di spesa dell’affitto, quindi non hanno risorse a disposizione.

Così, in base ai risultati del sondaggio, pur di risparmiare un terzo del campione spegne il riscaldamento durante il giorno (che ci sia il sole oppure no) e un quarto cerca di ridurre al massimo l’uso della luce.

Proprio a fronte di queste limitazioni che i consumatori si impongono per cercare di mantenere il loro bilancio familiare in equilibrio, il sito suggerisce di valutare la possibilità di cambiare fornitore e muoversi verso offerte più convenienti. L’indicazione è quella di puntare su una tariffa fissa che spesso è più conveniente, invece di rimanere ancorati al contratto con la tariffa variabile, che è quello più comune soprattutto tra le grandi aziende, ma finisce per rivelarsi meno conveniente.

Secondo l’ente regolatore Ofgem il costo medio annuale si aggira intorno alle 362 sterline, una somma importante nonostante il tetto ai prezzi che è stato imposto dal Governo e che il primo aprile è stato anche ridotto per sei mesi, in modo da venire incontro alle difficoltà economiche indotte dalla crisi causata dal Coronavirus.

Un’ultima curiosità: l’aumento dell’utilizzo di energia a livello domestico, che comporta questo appesantimento delle bollette, va esattamente nella direzione opposta rispetto al consumo generale di elettricità. Secondo il World Economic Form, infatti, il periodo della quarantena ha determinato una riduzione del 10 per cento nella domanda di elettricità in Europa e un calo nettissimo su scala mondiale.

In America, ad esempio, l’uso di energia elettrica si è ridotto del 5,7 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, raggiungendo livelli pari a quelli del 2004, ovvero 16 anni fa. Quando l’allarme per le fonti di energia non rinnovabili e i problemi di inquinamento dell’ambiente erano ancora a tutt’altro livello.


Articolo realizzato con il supporto di Green Network Energy – la prima azienda italiana di energia nel Regno Unito 


Emergenza Coronavirus, Brexit, attualità, cronaca, lavoro eventi.  Il meglio delle notizie di Londra Italia in una email settimanale da non perdere. Iscriviti ora, è gratis.