Settled status: tutte le cose da sapere per non rischiare brutte sorprese

Il periodo di incertezza sulla Brexit e le elezioni del 12 dicembre hanno fatto aumentare le domande di residenza degli europei in UK

Settled status: tutte le cose da sapere per non rischiare brutte sorprese

 

Nonostante le varie proroghe della Brexit, e nonostante le elezioni del 12 dicembre che mettono in dubbio l’effettiva uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, il procedimento di acquisizione di pre-settled e settled status continua a operare a pieno regime.

Al momento i tempi di decisione delle domande si sono allungati, e mentre alcune richieste vengono risolte nel giro di pochi giorni, altre sono in attesa di risposta da oltre un mese. C’è chi ancora resiste all’idea di inoltrare domanda, ma è importante non sottovalutare l’importanza di salvaguardare il proprio diritto a rimanere o poter tornare in UK. Vediamo perché.

1) Cosa succede se non presento la domanda di settled o pre-settled status entro l’ultima data utile?
A meno che la Brexit non sia cancellata, tutti i cittadini europei residenti in UK dovranno avere un permesso di soggiorno temporaneo o permanente entro il 31.12.2020 o entro il 30.06.2021, in caso di “deal”. Chi non farà domanda rischierà l’espulsione, a meno che non riuscirà a dimostrare che ci sono seri motivi che hanno impedito la presentazione della domanda in tempo utile. In quanto europei, siamo talmente abituati alla libera circolazione che ci semba assurdo pensare che un domani potremmo essere mandati via, ma putroppo con la fine del “free movement” e delle norme transitorie, saremo tutti soggetti alle leggi sull’immigrazione nazionali che ora si applicano solo agli extra europei. Questo significa che in mancanza di un permesso di soggiorno, la nostra presenza sul suolo britannico sarà illegale, e ciò costituisce un reato.



2) Ho il pre-settled status, quando devo fare domanda di settled status?
Se siete qui da meno di cinque anni e avete ottenuto il pre-settled status, dovete ricordare di fare domanda di settled status al compimento di cinque anni di residenza in UK. Non è necessario aspettare la scadenza del pre-settled status, ed anzi è fondamentale non far scadere il pre-settled status. Infatti se il vostro pre-settled status scade dopo il 2020, rischiate di diventare overstayers, cioè di restare nel Paese senza permesso di soggiorno. In tal caso, non avrete più la possibilità di lavorare, prendere una casa in affitto e rischiate detenzione ed espulsione.

3) Mi hanno dato il pre-settled status invece del settled status, ma sono qui da più di cinque anni, cosa devo fare?
Se avete ricevuto la decisione da poco, siete ancora in tempo per chiedere che sia cambiata tramite la procedura dell’Administrative Review. Altrimenti potete ripresentare la domanda in qualsiasi momento fino a dicembre 2020. Se non avete lavorato o chiesto benefits, cioé se non avete usato il vostro national insurance number, il sistema non potrà confermare che siete in UK da cinque anni e vi verrà chiesto di caricare documentazione che prova la residenza. Vi consiglio di farlo invece di accettare il pre-settled status, che è un permesso di soggiorno temporaneo e non vi garantisce gli stessi diritti del settled status.

4) Ho il pre settled status, ma devo lasciare il Regno Unito per un anno. E’ vero che il questo caso non perderò il pre settled status?
E’ vero, ma attenzione. Se ottenete il pre settled status, questo rimarrà valido a meno che non lasciate il Paese per due anni consecutivi. Però ricordate che se avete assenze superiori a sei mesi in ogni periodo di dodici mesi, per un periodo di cinque anni, non potrete poi fare domanda di settled status. Quindi una volta che il pre-settled status scadrà dovrete fare domanda per entrare o rimanere in UK ai sensi delle nuove normative applicabili in future, ma non potrete ripresentare la domanda di pre-settled status per estenderlo oltre cinque anni.


L’autrice di questo articolo è Gabriella Bettiga director di MGBe Legal. Per contattarla gabriella@mgbelegal.com

Foto @Pixabay – Riproduzione vietata – All Rights Reserved


Brexit, attualità, cronaca, lavoro eventi.  Il meglio delle notizie di Londra Italia in una email settimanale da non perdere. Iscriviti ora, è gratis.