Settled status: 350mila italiani l’hanno ottenuto fino a ora

I numeri confermati dall'Ambasciata. Impennata di richieste dopo che il Governo britannico ha confermato sostegni economici ma solo a chi aveva regolarizzato la propria residenza in UK

Settled status: 350mila italiani l’hanno ottenuto fino a ora

 

Arriva a quota 350mila iscritti il numero di italiani che hanno fatto richiesta di settled status regolarizzando la propria posizione nel Regno Unito dopo la scelta di del paese di lasciare l’Unione Europea.

I numeri sono stati diffusi dall’Ambasciata italiana a Londra durante una video-incontro con i giornalisti. “Numeri che confermano come la comunità italiana sia legata a filo doppio al Regno Unito, anche in momenti difficili come questi, dettati prima dalla Brexit e ora dalla pandemia“, ha affermato l’ambasciatore Raffaele Trombetta.

Ad oggi la comunità italiana in UK è la terza per numero di domande presentate e accettate dall’Home Office dopo quelle polacca e rumena. Un dato che conferma come gli italiani hanno comunque spinto sull’acceleratore nel confermare la propria volontà a rimanere nel paese, almeno nel breve-medio periodo, nonostante le forti incertezze che ancora ci sono tra Londra e Bruxelles in vista della chiusura dei trattati previsti per il 31 dicembre prossimo.



Un altro fattore scatenante è legato anche all’attuale emergenza sanitaria e ai sostegni offerti dallo stato che ha fatto schizzare a 10.800 le richieste degli italiani registrate solo nel periodo tra febbraio e marzo scorsi. Infatti il governo britannico ha predisposto una serie di benefits a chi  ha subito un qualche danno economico derivato dal lockdown per prevenire la diffusione del contagio.

Sostegni che però sono stati destinati solo a chi è regolarmente residente in UK, partendo proprio dalla certificazione minima richiesta agli europei presenti nel Regno Unito, ossia il settled status.


Emergenza Coronavirus, Brexit, attualità, cronaca, lavoro, eventi. Il meglio delle notizie di Londra Italia in una email settimanale da non perdere. Iscriviti ora, è gratis.