Perchè costa di piú comprare dall’Europa: la guida della BBC

Tasse, dazi ed extra: ecco come cambiano gli addebiti per un cliente nel Regno Unito quando ordina merce che giunge dall'Unione Europea

Perchè costa di piú comprare dall’Europa: la guida della BBC

 

In molti, residenti nel Regno Unito, hanno riscontrato delle differenze di tipo economico nei loro acquisti online effettuati in negozi presenti nei paesi dell’Unione Europea a partire dallo scorso mese di gennaio. Si tratta di novità legate all’attuazione della Brexit e in particolar modo a spese sostenute che si aggiungono al costo vivo del prodotto acquistato e del servizio per la consegna. Ma quali sono queste commissioni extra e come possono essere evitate? A spiegarlo ci ha pensato la BBC pubblicando una guida online pratica e chiara (qui il link) che vi riassumiamo di seguito.

Voglio acquistare un maglione che ha un costo medio di £50 dall’UE, cosa devo sapere?
L’imposta sul valore aggiunto (VAT) è una tassa sulle vendite, ed è sempre stata richiesta sui beni dell’UE. Dopo la Brexit il modo in cui viene applicata è cambiato. In precedenza, il cliente avrebbe pagato la VAT locale già contenuta nel valore totale del prodotto acquistato. Quindi se quel maglione, ad esempio, veniva acquistato in un negozio in Svezia avremmo pagato la VAT svedese. Ora, invece, c’è da pagare la VAT britannica che è del 20%. In generale, per qualsiasi importo inferiore a £135, la VAT dovrebbe comunque far parte automaticamente del prezzo finale che viene pagato al momento di effettuare l’acquisto online.

E se spendo più di £135 per il mio maglione?
La maggior parte degli acquisti superiori al valore di £135 ora richiedono il pagamento della VAT britannica al momento della consegna: non è più inclusa nel pagamento online. Quindi, se si acquista un maglione molto costoso da un venditore dell’UE, la società di consegna ora chiederà di pagare la VAT (al 20%) prima che questo venga consegnato. Per il cliente finale potrebbe risultare uno shock se il rivenditore non lo dovesse dichiarate al momento dell’acquisto. “E’ bene anche controllare la fattura per assicurarsi che il processo del rivenditore abbiano funzionato correttamente e che non siano state addebitate le medesime tasse due volte“, afferma Martin Shah un esperto dello studio legale Simmons & Simmons. “Se un corriere chiede il pagamento della VAT sulla merce acquistata del valore di £135 o inferiore, bisogna controllare la ricevuta, poiché il cliente avrebbe dovuto aver già pagato la VAT al punto vendita“, aggiunge.

E se acquisto da una piattaforma online?
I piccoli venditori ora devono addebitare la VAT britannica quando inseriscono i loro articoli su mercati online come Amazon, eBay o Etsy. Quindi il costo potrebbe aumentare se viene inserito un indirizzo di consegna nel Regno Unito.

Ci sono altri addebiti di cui dovrei essere a conoscenza?
I dazi doganali si applicano anche a merci di valore superiore a £135. Non è necessario pagare alcun costo doganale se il tuo costoso maglione è stato realizzato e prodotto interamente nell’UE. Tuttavia, potrebbe essere necessario pagare il dazio doganale se il venditore dell’UE lo importasse originariamente da un paese non UE. E lo stesso addebito potrebbe essere applicato se una certa percentuale dei materiali utilizzati per realizzare il maglione provenisse da paesi extra UE (secondo le cosiddette regole di origine). Si può sempre contattare il rivenditore prima di acquistare per chiedere se bisogna pagare eventuali dazi doganali. In caso di risposta affermativa, la società che effettuerà la consegna dovrebbe inviare una fattura con tutti i dettagli dei singoli addebiti.

Quanto extra dovrò pagare?
Ci sono tariffe diverse a seconda di ciò che si sta acquistando (qui una guida ufficiale che fornisce ulteriori dettagli), mentre per alcuni prodotti non c’è nessun dazio doganale. “I dazi doganali possono arrivare fino all’1,7%“, afferma Anna Jerzewska, fondatrice della società di consulenza Trade and Borders. “Ma per i tessuti, il cibo e le bevande la percentuale potrebbe essere più alta.” fino ad arrivare al 20%, ma si tratta di casi davvero rari. “Un pullover di cotone lavorato a maglia ha un dazio doganale del 12%. Prima della Brexit, il dazio sarebbe stato pagato da chi lo aveva importato per primo nell’UE e avrebbe potuto quindi essere spedito in altri paesi dell’UE, incluso il Regno Unito, senza ulteriori addebiti“.

Posso anche dover pagare delle commissioni amministrative?
Le aziende possono anche addebitare un supplemento per la consegna, perché ora hanno bisogno di spendere più tempo per compilare i documenti con un aggravio sui tempi di consegna. Le opzioni e le tariffe di consegna dovrebbero essere comunque elencate sul sito web del rivenditore.

Posso acquistare vestiti di diverse taglie e rispedire quelli che non voglio?
Se si restituisce un acquisto, si può richiedere il rimborso di eventuali dazi compilando il modulo C285 presente sul sito dell’HM Revenue & Customs (qui il link).

E se mi viene inviato un regalo dall’UE?
Qualsiasi regalo al di fuori del Regno Unito di valore superiore a £39 è soggetto alla VAT. Se una persona acquista un regalo direttamente da un rivenditore tedesco e chiede di spedirlo a un’altra persona residente nel Regno Unito, il corriere probabilmente chiederà di pagare la VAT o i dazi doganali dovuti. Colui che invia il regalo da un ufficio postale locale dovrà compilare anche un modulo doganale. Ma la persona che invia il regalo può chiedere al venditore o alla compagnia di spedizioni se può pagare in anticipo gli extra per evitare la potenziale situazione imbarazzante di doverli far pagare a colui che riceve il regalo.


Emergenza Coronavirus, Brexit, attualità, cronaca, lavoro, eventi. Il meglio delle notizie di Londra Italia in una email settimanale da non perdere. Iscriviti ora, è gratis.