Come ottenere la cittadinanza Britannica se si hanno meno di 18 anni

Tutte le procedure da seguire in caso il figlio sia nato all'estero da genitori con passaporto britannico, o in UK da genitori stranieri

Come ottenere la cittadinanza Britannica se si hanno meno di 18 anni

 

Il procedimento per ottenere la cittadinanza britannica è diverso a seconda che si abbia compiuto la maggiore età o meno. A parte alcune eccezioni generalmente non rilevanti per i cittadini europei, gli adulti possono naturalizzarsi solo una volta ottenuto il certificato di permanent residence.

Se non si è coniugati con un cittadino britannico, un requisito essenziale è quello di aver acquisito il diritto a risiedere senza limiti di tempo da almeno un anno e di essere stati residenti nel Regno Unito per almeno 5 anni.

Inoltre bisogna dichiarare le proprie assenze, che non dovrebbero eccedere 450 giorni negli ultimi cinque anni e 90 giorni nell’ultimo anno, la propria intenzione di voler continuare a vivere in Gran Bretagna, e qualsiasi condanna o condizione che potrebbe far dubitare della propria buona condotta, o good character.

Inoltre è necessario essere stati fisicamente presenti nel Regno Unito il giorno che dà inizio al periodo di cinque anni che si chiude quando l’Home Office riceve la domanda di naturalizzazione. Cioè se la domanda viene inviata il 03 giugno 2018, verrà ricevuta dall’Home Office il 04 giugno. Sarà quindi necessario accertarsi che il 04 giugno 2013 ci si trovava nel Regno Unito.

Infine, se si è al di sotto di 65 anni, si dovrà fare il Life in the UK test ed un test di lingua, a meno che non si abbia una laurea, master o dottorato conseguito in Gran Bretagna o in un paese di madrelingua inglese.



Se invece si hanno meno di 18 anni, il procedimento è più semplice, ed anche leggermente meno costoso: £1012 per i minorenni invece che £1330 per gli adulti. I minori anziché naturalizzarsi potranno registrarsi come cittadini britannici. La normativa sull’ottenimento della cittadinanza britannica è complessa, ma per i figli di cittadini europei generalmente si può procedere in due modi. Nel primo caso si userà il modulo MN1.

Se il figlio è nato in Gran Bretagna e dopo la sua nascita almeno uno dei genitori può dimostrare di avere diritto alla permanent residence, il minore avrà diritto alla cittadinanza britannica come prescritto dalla sezione 1(3) del British Nationality Act.

E’ importante conoscere la sezione della normativa applicabile al proprio caso, in quanto questa va indicata sul modulo da inviare all’Home Office.

Se il figlio non è nato in UK, potrà fare domanda di registrazione quando i genitori faranno domanda di naturalizzazione. Oppure potrà fare domanda in modo indipendente ma dovrà dimostrare che almeno uno dei genitori ha acquisito il diritto alla permanent residence. Questo non significa che il genitore dovrà prima ottenere un certificato di permanent residence, ma semplicemente averne diritto. In questi casi la sezione della norma applicabile è la sezione 3(1).

La seconda ipotesi riguarda chi è nato qui e può dimostrare di aver trascorso i primi 10 anni della propria vita in Gran Bretagna, durante i quali non si è assentato per più di 90 giorni all’anno.

In tal caso, sia minori che adulti -ma solo se nati dopo il 01.01.1983- potranno registrarsi come cittadini britannici usando il modulo T, e la registrazione sarà fatta ai sensi della sezione 1(4) del British Nationality Act 1981.

Chi ha meno di 18 anni non dovrà fare nessun esame di inglese, e i requisiti di residenza ed assenze sono più flessibili. Il requisito della buona condotta è invece rilevante dall’età di 10 anni in su.


L’autrice di questo articolo è Gabriella Bettiga, avvocato esperto in materie di immigrazione presso lo Studio Legale Sliglaw LLP.  Per contattarla potete mandare un’email a: gabriellab[at]sliglaw.com.