Coronavirus, l’emergenza modifica tempi e modi per settled status e cittadinanza

Molti uffici pubblici sono chiusi spostando tutta la loro attività sul web. Ecco link e moduli

Coronavirus, l’emergenza modifica tempi e modi per settled status e cittadinanza

 

Il Covid-19 sembra purtroppo una costante in queste nostre nuove, strane vite delle ultime settimane. E’ difficile non parlarne, ed impossibile non pensarci. Tutti i settori sono stati in qualche modo colpiti dalla pandemia, ed ovviamente anche chi ha richieste di pre-settled o settled status da inviare o in corso, deve tener conto di alcuni punti.

Innanzitutto, il EUSS è stato chiuso, il Resolution Centre che forniva un servizio di informazioni sia generali che specifiche su domande già inoltrate. In caso di dubbi è possibile contattare l’Home Office usando un modulo online, che si trova a questo indirizzo. I normali tempi di risposta sono cinque giorni lavorativi, ma preparatevi ad un’attesa più lunga.

Se avete intenzione di fare domanda usando la App EU Exit: ID Document Check non dovrebbero esserci cambiamenti, mentre invece dal 25 marzo scorso non è più possibile inviare documenti originali per posta.

Se avete già inviato il vostro passaporto o carta di identità prima di questa data, dovrebbero restituirveli a breve, mentre chi ha spedito documenti dopo il giorno 25 deve aspettarsi dei ritardi.
Anche i tempi di decisione si sono allungati, e non è chiaro quale sia il tempo medio per una risposta.

Se la vostra domanda non può essere inviata online ed avete bisogno di un modulo cartaceo (ad esempio se non avere un documento di identità valido, o in alcune circostanze applicabili ad alcuni membri di famiglia non europei) potrete contattare il Resolution Centre tramite il portale indicato sopra per richiedere un modello cartaceo. Però al momento non è chiaro se vi verrà spedito o meno e speriamo di avere maggiori informazioni in seguito.

Cittadini extra-europei con visti in scadenza dal 24.01.2020 al 31.05.2020 potranno rimanere in UK fino al 31.05.2020 se non possono lasciare il Regno Unito a causa del coronavirus. Questa norma molto probabilmente non sarà necessaria a molti familiari extra-europei di cittadini europei, in quanto questi generalmente hanno comunque diritto a rimanere in UK.

Familiari extra-europei che fanno domanda di settled status, ed europei che vogliono fare domanda di naturalizzazione, dovranno tener conto che i centri presso i quali ci si reca per dare i propri dati biometrici e mostrare il passaporto sono chiusi. Gli appuntamenti già fissati saranno cancellati e rimandati ad una data futura. Chi ha già un appuntamento, riceverà una email con una nuova data.

Anche i centri per gli esami di lingua e per il Life in the UK test, da fare per la domanda di naturalizzazione, sono chiusi. Anche in questo caso chi ha già prenotato riceverà una email con informazioni su cosa fare.

Si spera che che, se la quarantena dovesse continuare, l’Home Office penserà a soluzioni alternative come esami online. Cercherò di tenervi aggiornati sugli sviluppi.


L’autrice di questo articolo è Gabriella Bettiga director di MGBe Legal. Per contattarla gabriella@mgbelegal.com

Foto @Pixabay – Riproduzione vietata – All Rights Reserved


Emergenza Coronavirus, Brexit, attualità, cronaca, lavoro eventi.  Il meglio delle notizie di Londra Italia in una email settimanale da non perdere. Iscriviti ora, è gratis.