Brexit, Theresa May chiede rinvio fino al 30 giugno

La parola passa ora ai ventisette leader degli altri stati membri. Il Presidente europeo Tusk propone una proroga di un anno

Brexit, Theresa May chiede rinvio fino al 30 giugno

 

Il Governo britannico ha chiesto un’ulteriore rinvio della Brexit, al momento fissata per il 12 Aprile, prendendo atto dell’impossibilità di trovare un accordo coi parlamentari prima di quella data.

In una lettera inviata oggi al Presidente del Consiglio Europeo Donald Tusk, Theresa May ha ufficialmente richiesto una proroga fino al prossimo 30 giugno.  Nella stessa lettera May ha chiesto anche la possibilità di poter anticipare la Brexit nel caso in cui i parlamentari riuscissero a trovare un intesa prima della data di uscita, chiedendo in pratica una estensione “flessibile” per la quale alcuni commentatori europei hanno coniato il termine “flextension”.

Il Regno Unito dovrà quindi iniziare i preparativi per le elezioni europee del 23 maggio ma se otterrà l’estensione flessibile avrà la possibilità di cancellarle anche all’ultimo minuto in caso di accordo.

La richiesta del Regno Unito sarà adesso esaminata dall’UE ma non è scontato che venga accettata. Il Presidente del Consiglio Europeo Tusk sembra disposto a concedere solamente una proroga “lunga”, di almeno un anno, e la richiesta della May dovrà ricevere l’approvazione di tutti i ventisette leader europei, che si riuniranno in occasione del prossimo vertice europeo, previsto per il 10 di aprile. Lo spettro di un “No Deal”, un’uscita catastrofica del paese senza un accordo, non è quindi ancora completamente scongiurato.

Tutti i riflettori puntano ora al summit europeo del 10 aprile, quando l’Europa dovrà decidere se accettare la richiesta di estensione fino al 30 giugno.  Nel frattempo la partita Brexit si continua a giocare sul fronte interno, dove Theresa May ha aperto un tavolo di negoziati con il leader laburista Jeremy Corbyn. Finora i colloqui si sono conclusi con un nulla di fatto ma il dialogo è aperto e tutte le ipotesi (inclusa quella di un secondo referendum) sono ancora sul tavolo.

 

@AgostiniMea


Brexit, attualità, cronaca, lavoro eventi.  Il meglio delle notizie di Londra Italia in una email settimanale da non perdere. Iscriviti ora, è gratis.